mercoledì 4 gennaio 2012

La specializzazione di graphic designer: costretto un passaggio? (1/2)


Hai bisogno di fare scelte in graphic design? Senza dubbio. Ma che? Piccola cronaca in due parti.
Quando si pone la questione della specializzazione...
Ho partecipato più volte in discussioni sulla specializzazione di graphic designer. "Forza di voler fare tutto, non fa nulla a fondo". Il discorso è classico: non può essere esperto in tutto. Primo, perché ci vuole tempo e la pratica. allora, perché il cervello umano è quello che è; Infine, perché anche se è possibile, che avrebbe creduto? Ma come organizzare la sua specializzazione? Bisogno di specializzarsi presto? È solo una questione di scelta tecnica?

Tendenze attuali
Molti analisti dicono che la che nostra società sembra andare verso i modelli di mercato che incoraggia la specializzazione. E questo in tutti i settori. Tra cui grafica. L'era dell'uomo versatile sarebbe caduchi poco a poco in quello di micro-spécialiste.


Molti professionisti si sviluppano nuovi designer per diventare esperti in un dominio specifico. Si dice che essi sono "più negoziabili e occupabili", vale a dire, più "vendibile" facilmente sul mercato del lavoro.


Per i progettisti grafici, questo significherebbe che si devono fare scelte difficili! Diventare specialista del logo senza biglietti da visita. Essere sul bordo dell'HTML5 e i CSS3 senza mai toccare la creazione di un web design. Difficile per l'artista di dimettersi. A meno che...


Ecco il parere di un certo Chris Young, responsabile per l'agenzia C7Design, traduco:
"Lavoriamo con i clienti si aspettano che il loro marchio è costruito e distribuito costantemente attraverso tutte le creazioni grafiche: dalla brochure relazioni annuali tramite il sito web." Tutto questo può essere fatto in modo coerente e con un elevato livello di qualità. "È sufficiente avere le persone giuste e costruire un buon rapporto con il cliente".


Così, il client può aspettare in una certa misura, che il graphic designer offre un ragionevole orizzonte creativo : accompagnando identità grafica, materiale stampato, sito Web, video, animazioni, ecc. Facile, per un'agenzia, ma quando si è da soli?


Specializzazione tecnica: fino a dove e come?
Il livello di specializzazione è una questione di scelta e diequilibrio. La scelta è revocata. E cessazione deve essere saggiamente, di fare le domande giuste. Scegliere, a volte è anche accettare ulteriori argomenti per costruire un'offerta coerente.


Essenziale scegliere regole:

Scegliere aree grafici generali che sono affectionneAu all'interno di queste aree grafiche, decidere che cosa è e che cosa è fatto solitamente funzione di queste scelte, determinare le tecniche ad approfondire, a seguire le tendenze e le precedenti réaliserS' assicurare che queste scelte danno luogo a un'offerta coerente. Non esitate a adattare la sua scelta che l'offerta ha un massimo di valore aggiunto ' garantire che l'offerta soddisfi le esigenze dei clienti che noi target


Le regole essenziali che funziona:

Sospendere il corso su scelte effectuésApprofondir in sua conoscenza e la sua esperienza con queste scelte, senza è la frustrazione del disperserAccepter di renoncementNe non abbiate paura di rifiutare una richiesta che non è nelle scelte che ha fatto


Un Web Designer che fornisce anche un'identità grafica del servizio e la creazione di supporti di stampa può essere visto come un "generalista", un "Hands-on". In inglese, un "Jack di tutti i commerci". Esso sarà essere denunciato dai puristi specializzazione che sostengono che "non può essere tutto questo in un momento". Eppure, il cliente che ha bisogno di un sito Web sarà probabilmente felice di avere la consulenza per la ristrutturazione della sua grafica Charter. E il rapporto di fiducia che installerà la stessa volontà di client tutti soddisfatto anche per ritrovare il contatto con il graphic designer per la realizzazione delle sue carte. Niente disturberà il client perché l'articolazione di queste attività è coerenza.


Specializzazione degli obiettivi: trovare la sua nicchia
La specializzazione non è solo correlata a tecniche o aree grafici. Specializzarsi, esso anche scegliere la sua nicchia, il suo mercato, il bersaglio. Ad esempio, essere esperto di grafica per:
-i lavoratori autonomi e delle piccole imprese
-il campo medico e farmaceutico
-associazioni e istituzioni pubbliche
-progetti di innovazione


Per me, la scelta è fatta in basata a due criteri, fonti delle domande giuste per chiedere.


1 | L'affinità di graphic designer di nicchia
Quali sono le aree che mi interessano? Le persone con cui mi piace il lavoro? Forza non necessario per lavorare in aree che non ci piace, semplicemente perché sono "portatori" o "moda".


2 | L'opportunità per la finestra di progettazione di accedere ad alcuni di questi nicchia
Di cui si compone la mia rubrica? A quali aree mi piace facilmente accedere? Quali conquiste presentato in queste zone è possibile?


Non si limita in vostro definizioni ma coerente soggiorno! Targeting per l'industria farmaceutica e allo stesso tempo, medicina alternativa forse non è molto buona.


 

mercoledì 28 dicembre 2011

Sono graphic designer?

La domanda può sembrare banale. Ma la realtà è che il mio tempo dovuto rispondere.


"Tu sei il graphic designer?"
ma chi è?


È nella mia funzione di ufficiale delle comunicazioni che ho iniziato a lavorare su supporti più sofisticati. Presentazioni Power Point ha sostenuto dai colleghi, volantini, depliant, brochure, siti web. Moltiplicato le creazioni di imparare le tecniche sull'heap. Ho fatto errori, ho corrigeais. La stampante più potrebbe spiegare i concetti di base. E quando i miei colleghi mi ha chiesto: "tu sei un graphic designer, infatti?", mi affretto a me rispondere in senso negativo. "No, io sono responsabile per com', ma mi piace la grafica". Ma poi? È graphic designer quando?


Io sono il graphic designer, perché ho fatto studi di progettazione grafica.


La forza è a confessare che potrebbero attaccare a questa realtà di base. Un meccanico ha fatto studi di meccanici. Un medico di studi di medicina. Un breve comptable…, avete capito. Ciò detto, nella navigazione Web di libri nei portafogli, mi sono reso conto che molti progettisti ora confermati a infatti sono auto-formes (tornerò in un prossimo articolo sull'auto-educazione). La scuola di graphic design e formazione professionale sarebbe quindi che uno mezzo tra gli altri?


Allo stato attuale, le fonti di conoscenza abbondano. Internet è per me il Graal: un magma di dati tecnici e di ispirazione in un movimento continuo. Con disciplina e curiosità, potrà realizzare assimilare sacco di conoscenza nel campo. Se si aggiunge la condivisione, scambio con altri appassionati e perpetua ricerca critica, è il valore di apprendimento ancora in dubbio? Anche di fuori mura di una prestigiosa scuola?


Io sono il graphic designer, perché posso guadagnare soldi con esso.


Viviamo in un sistema di valori, dove il denaro tende a collocare gli standard. "Se sarai pagato un prezzo, è inevitabilmente che stai bene". Passo safe… Se da pagare per la realizzazione in realtà rappresenta un segnale forte, non sono sicuro che la descrizione di "graphic designer" dipende dal livello di prezzo.


Sono graphic designer perché ho disegnare.


Mi è stato spesso detto che il disegno è essenziale disciplina nel mondo della grafica. Capisco l'asserzione. E prontamente sono d'accordo che ha significato. Ma ora, lo confesso: non so per disegnare. Corpi di riprodurre o oggetti, anche paesaggi, non me completamente. Ho scarabocchiato senza raggiungere davvero a trasmettere l'immagine che ho in mente.


I nuovi strumenti che graphic designer hanno accesso e fondi illimitati mi ha permesso di sfuggire a me questa difficoltà. Realizzazione grafica e ricerca estetica mi fossero così costose che potrei non ammettono che mia incapacità di progettare mi impedisce di vivere la mia passione. Il disegno è un sicuro, ma è il sola e unica di qualità.


Io sono il graphic designer, perché ho le qualifiche.


Sì, OK. Ma che cosa è le qualifiche di un graphic designer? Io sono all'alba del commercio, ma qui è il mio punto di vista sulla questione.


La passione
È la chiave. Il real. È messo a fondo, saltare giorni, notti e continuare ad amarla.
Curiosità
Parlare, condividere, cercare, testare. Di non avere paura di niente e di non commettere errori o avere aria ridicolo.
Discernimento
Comprendere lo scopo della realizzazione. Controllare i suoi impulsi creativi per catturare i bisogni e di essere solo.
La disciplina
Non lasciarsi andare a procrastinare. Read, tenere al passo, nuove tecniche di prova, nuovi stili.
L'organizzazione
Un buon programma, un disco rigido organizzato, risorse facilmente accessibile.
Conoscenze tecniche
La base della stampa, grafica, webdesign, secondo la sua nicchia. Gli strumenti, buone pratiche.

mercoledì 21 dicembre 2011

La specializzazione di graphic designer: costretto un passaggio? (2/2)

Una piccola riflessione sulla specializzazione di graphic designer...


Ci Dovremmo specializzare all'inizio della carriera?


Quando nel commercio, soprattutto freelance, sono spesso visti come una specializzazione del lavoro di routine: "Ma perché devo scegliere davvero?". È simile: non non c'è alcun desiderio. Una reazione normale a causa di due effetti.


"Io tocco qualsiasi perché so che non è ancora quello che mi piace di più"


Ci sono ancora un po'! Anche se sto cercando di razionalizzare la mia scelta (principalmente dovuta alla mancanza di tempo), so che non ancora quello che mi piace più. Mi piace dire che sto disperdere in ordine a me spécialiser…


L'effetto "l'occasione successiva che io non posso passo passare"


In primo luogo, esso mira a tutti i prezzi per i clienti, missioni. Deve essere che l'avvio dell'attività e che uno guadagna un po' di soldi. È il principio. Il graphic designer non è solo un artista che prima di tutto vuole esprimersi attraverso la sua passione. È anche qualcuno che ha bisogno di mangiare! Quindi, non appena arriva una richiesta, qualunque sia la natura, è accettato perché "è sempre quella di guadagnato". Ma il denaro non è l'unico motore.


Appositamente a inizio carriera, si accetta perché "questa è la possibilità di provare". Prova di tecniche, stili e a volte prendere sulle sfide. Lavorare in qualsiasi campo specifico per il tipo di cliente, i livelli di requisito, accompagnamento. Questi due effetti sono sani inévitables…et! Perché vuole saltare tappe? "Touch a tutto ciò che" è un'inizio carriera obbligatoria. L'ideale è da tenere a mente l'obiettivo di specializzazione e, alla fine di una missione, formazione o una discussione, a dire: ", è davvero qualcosa che voglio fare!" o "it, mai!".


Posizionamento di specializzazione


Specializzazione è quindi più che una scelta tecnica: permette di costruire il suo posizionamento.
Il posizionamento è un concetto di marketing che può essere molto complesso. Ma la base è facile da capire: nello spirito del cliente, può essere considerato che due frasi definirà il graphic designer. Ad esempio:


"È fatto di supporti cartacei e siti web." "È molto difficile da capire le mie esigenze."


"Conosce molto bene il campo della comunicazione e per costruire i miei mezzi di comunicazione per essere efficace non solo estetico"


"Lui è molto dotato nel prodotto efficace loghi e identità grafica". "È molto reattivo e non è paura di lavorare il dipartimento di emergenza"


Queste due frasi, è il vostro posizionamento. È l'immagine che vi farà il client (futuro?). Ed è in questa immagine che dovrà chiamare quando un grafico bisogno lui.


Il graphic designer non ha il controllo completo di questa immagine: essa si basa pesantemente sulla percezione della persona, che lei poteva sentire e le sue esperienze. Tuttavia, è possibile mettere tutte le possibilità del suo lato e influenzare la percezione dalla costruzione del suo posizionamento.
Quindi la costruzione di 3 assi di lavoro:


È il cuore della scelta di specializzazione: che è quello che mi propongo di fare e per i quali?


"Io sono l'identità di stampa e grafica per le piccole imprese"


"Io sono il Web per il dominio associativo"


"Accompagnare progetti completi dalla creazione di identità alla produzione di materiali stampati e sito web nel campo della ricerca scientifica"


"Sono molto ben organizzati e reattivi". "In grado di lavorare in caso di emergenza, molto rapidamente"


"Sto attaccato alla comunicazione". "Ho rilevare, include e applica il vostro obiettivo com' nelle mie creazioni"


"Ho molto tagliente tecniche per consentire a me raggiungere livelli molto elevati di qualità"


"Creativo e fantasioso, ho costantemente fuori dell'ordinario e mi si specializzano nella realizzazioni di originale e sorprendente"


"Ho uno stile pulito ed efficiente". "Costruire con attenzione, senza ingombrare e scegliendo il concetto di grafico più efficacia, anche se non è più inaspettato"


"Ho un simpatico e anticonformista stile." "Facile da capire per il grande pubblico e originale nella sua forma e i suoi colori"


Vostro posizionamento sarà dipendente sul vostro choix…et viceversa! Dovrete trovare il giusto equilibrio. La cosa importante è quello di costruire un'immagine forte, semplice e coerenza.

mercoledì 14 dicembre 2011

5 pensieri sulla creazione di loghi

Creare un logo può diventare rapidamente un vero e proprio puzzle, anche per i più creativi grafici. Piccole riflessioni della mia esperienza nel campo

1. Non vi è alcuna vergogna nell'ispirazione

Ispirazione, è non copiare! Al tempo di internet, è molto facile da esplorare intere gallerie di loghi di tutti i tipi. Creatività umana lavora principalmente dalle associazioni di idee: il logo di una bevanda frizzante può aiutare a costruire un logo di servizio di lavaggio a secco!. Sfoglia le riviste, tenere gli occhi mentre si cammina in strada, questo può essere essenziale nel processo. Sguardo anche nei suoi armadi può aiutare! Alcuni siti che consulta regolarmente per ispirazione:

Logospire WebsiteSito Web Logospire

2 Creative overflow può danneggiare la salute

Essere originale e creativo ultra, è buono. In mente target, gli obiettivi e le esigenze del cliente, è sbagliato, molto male! Spesso, ha fuori cliché, stereotipi, ricevuto idee. Vogliamo fare "diverso", "qualcos'altro". È lodevole. Ma il logo può essere bello e creativo che vogliamo, se il bersaglio non include, è solo... completamente inutile! Cliché esistono e li sta usando in modo originale che diventa veramente creativo

Una lampadina evoca l'innovazione e l'invenzione; il colore verde evoca la natura, ecologia; una croce o una pillola evoca salute, farmacia; un cuore evoca l'amore. È possibile utilizzare cliché... senza necessariamente cadere!

Questo articolo in inglese dal sito IMJUSTCREATIVE spiega come è importante non cadere nel cliché"Killer", ma anche come è difficile essere originali e provocatorie al momento dove entrambi sentieri delle idee hanno già state sfruttate

ID Barbers by IMJUSCREATIVE

ID Barbieri da IMJUSCREATIVE

3. Il logo perfetto non esiste

Breve ultimo datato: "sarebbe come il logo evoca l'Alleanza di diversi gruppi di ricercatori e anche che essa riflette un'immagine scientifica". Dovrebbe anche essere che evoca l'ambiente dell'energia. Sarebbe bene anche che noi vediamo che lavoriamo nell'innovazione. E se riusciva a ricordare Europa, sarebbe bene. Ah sì, ci sono anche 10 working groups e dovrebbe essere in grado di utilizzare i loghi specifici con il generale. "Ah sì e..."

STOP!

Il modo migliore per piantare con un logo è di fargli dire tutto e niente. Il logo deve essere semplice ed efficace, facile da ricordare, deve essere la prova del tempo, adeguato alla sua vocazione e utilizzabile in mille modi diversi in diversi tipi di supporto.

Effective logo designs: I Love NY, Apple, London Underground, CBS, WWF, Woolmark

Logo design efficace su Netmagazine.com

Non non c'è nessun marchio perfetto. Voglio dire, il logo di un colpo d'occhio, evocherà il pass di sogno 14 cliente chiave. La difficoltà consiste nel comprendere che egli deve scegliere. Come?

Chiede al cliente di implementare le priorità per le parole chiave/concetti, ad esempio classificando loro la più importante a almeno gli elementi di importantRepérez che sono più facilmente identificabili in modo grafico: "Alleanza" sarà più facile esprimere in un logo come "innovazione" o "studiosi" scegliere diverse basi per le vostre proposte, il client comprenderà meglio evocazione di un'ammiraglia concetto ha più forza di un'incongrua miscela di elementi disparati

4 Test il tuo logo!

Dopo 21:52 sulle proposte del logos, a volte ha perso ogni senso oggettivo. Regolarmente e anche dopo i primi disegni, vedere il vostro entourage. Fatto di persone parlano in maniera libera e meno strutturato come possibile. Porre domande quali: "che si cui questo logo?" o "che tipo di prodotto/servizio/istituzione pensi che è stato creato?" o addirittura "ciò che associeriez di parole si questo logo?". Anche se a volte ci vuole la figura intera, è un buon modo per avere uno sguardo ingenuo e completamente neutro sulle tue creazioni

Mezzi di comunicazione sociale sono i tuoi amici!

Niente del genere per questo tipo di test di Facebook! Pubblica una piccola immagine, Cree è un piccolo "c'è bisogno per il vostro parere!", è di poche pietre miliari e lasciarlo riscaldare commenti. Sarete stupiti di vedere quante persone hanno avuto divertimento a partecipare a tali una piccola indagine. In 24 ore, ho ottenuto circa 20 opinioni diverse sul confronto di due loghi.

Testez vos logo

Non dimenticare di ringraziare i tuoi amici (è ancora bello a presentare al gioco). Inoltre, prendere il tempo per dare poi alcune spiegazioni: persone piacerebbe sapere perché hanno dato il loro parere. In ogni caso, me sì!

5 Nome, logo e universo grafico: quando tutto diventa impigliata!

Ideale per un graphic designer è in grado di identificare completamente l'universo di notifica di un marchio: è coinvolto nella scoperta di un nome, alla nascita della carta grafica e il suo logo. Purtroppo, non è sempre il caso.

Regolarmente, il client mi dà un nome e mi chiede di "fare il logo va con". Hum! O ancora, fornisce una serie di supporti grafici (opuscoli, volantini, ecc.) con cui devo rimanere coerente in un progetto di ristrutturazione del logo. A volte, il cliente confuso logo e carta grafica! Allora cosa fare?

Se si richiede che è il nome
Se è coerente, costruire il logo per lo circonda lui: utilizzare l'errore di battitura, integrazione di grafica e fare fuori l'essenza. Se, tuttavia, il nome sembra accanto alla piastra, fatto l'appaiano molto neutro modo e costruire una grafica adatta più utilizzando forme e colorise si richiede una pseudo carta grafica
Prendete quello che vi interessa, sia che si tratti di un colore, una forma di base, un errore di battitura o uno stile più generale. Approfitta del logo che si crea per rendere chiaro al client come un meglio costruito carta grafica e ancorata è una garanzia di coerenza e la forza di comunicazionese si richiede una idea grafica
Anche se si trova male, prova! Lo stress può portare a volte fuori cose interessanti. Anche se non siete soddisfatti, il cliente sarà felice che hanno preso le sue idee in considerazione. Rispetto ad altre proposte di tua scelta, può più facilmente essere passato.

E tu? Quali sono i tuoi suggerimenti? Vostre esperienze nella creazione del logo?

mercoledì 7 dicembre 2011

La grafica, una questione di organizzazione

Se c'è una qualità che mi fa risparmiare durante i periodi di punta, è l'organizzazione. E questo, funziona!


Quando il grafico accanto ad un altro lavoro e ha la possibilità di ottenere diversi progetti allo stesso tempo, l'organizzazione è l'unico modo di non essere superata. Organizzare, sì, ma che cosa?


Tempo


Io stesso condividere tra un lavoro fisso, la mia attività di graphic designer e le turbolenze di una vita sociale che ho particolarmente affezionato. Niente come la buona gestione dell'agenda! Per me, lo strumento magico è Google Calendar. Con questo, posso gestire:


Con una semplice applicazione per iPod Touch/iPhone, ho accesso a tutti i miei ordini del giorno e tutti sincronizzare automaticamente.


Non fan di tecnologia? Essere sicuri di essere ben parallele le agende professionale e personale per non commit della dispari.


Progetti


Mi piace avere uno sguardo globale per i progressi dei miei progetti, specialmente quando ho diversi che si presentano. Io ho optato per un open source soluzione: un Joomla installato su un server gratuito e un componente chiamato Projectfork. È gratuitoe semplice installazione, uso, molto efficiente. Possibile creare progetti e sottoprogetti, immissione delle pietre miliari, gestire il relativo programma e classificare i file.



Questo metodo consente a me per accedere ai miei progetti dovunque gestione una volta che è disponibile una connessione Internet.


Il disco rigido


Per le risorse


Può sembrare innocuo, ma quando vedo il numero di risorse che io uso, e anche con la potente ricerca per Mac Mr, una buona organizzazione delle directory mi facilita la vita ben. Non esiste, a mio parere, buona o cattiva conservazione. Basta fare in modo che sia efficacia.


Ad esempio, sono d'accordo mio vector elementi, pennello, motivi, icone, sfondi, ecc in directory separata e tematiche. Ho classe mio ad alta risoluzione di immagini e garantire che essi siano correttamente taggées a trovare più facilmente.


Mio e-book, tutorial e altri materiali di apprendimento sono anche classificati da temi. Voglio una tabella che l'elenco e mi permette di sapere quello che ho già letto o no.


E per i progetti?


Ogni progetto ha una propria directory. Essere sicuro che mantenere una struttura chiara. Per un progetto di stampa, ad esempio, le sottodirectory tornando regolarmente sono:

OffreBriefingInspirationTextesPhotos alto defLogosCouleursCréationsPDF finauxArchives

La directory " archivio " è importante. Una volta che una versione diventa obsoleta (dopo le correzioni richieste dal client, ad esempio), mando negli archivi per non confondere i file.


Incontri


Ancora una volta, il punto può sembrare strano. Eppure, niente di peggio di un cattivo incontro organizzato. Sempre prendersi cura di preparare un piano per la riunione di briefing. Così, posso guidare il cliente, evitare di parte in ogni senso e, soprattutto, assicurarsi di non dimenticare qualsiasi domanda e ottenere le risposte.


In questo lavoro in collaborazione con il cliente, è importante rispettare il suo modo di lavorare. Alcuni potranno apprezzare una riunione intorno a un tavolo per discutere il progetto, gli altri saranno soddisfatti con un telefono di 15 minuti. Questi due tipi di incontri non sono tali e devono essere preparati in modo diverso.


L'area di lavoro


È probabilmente la missione più impossibile per me. Mio ufficio ancora assomiglia a un vasto cantiere di schizzi, post-it, di note in ogni senso e decine di supporti cartacei di ispirazione. È un ambiente pulito, sembra più favorevole al lavoro di qualità.


E quando è impossibile, giusto?


Regolarmente, sono d'accordo. Ma io non sono un'ossessione. Ho lasciato il disturbo installare ma evito il punto di non ritorno. Non c'è bisogno di fare un'ossessione: un desktop perfettamente organizzato tutto il tempo, sarà mai mia realtà. Il metodo giusto per me, questo è me frequentemente per garantire che ciò che è importante non è perduto.

giovedì 1 dicembre 2011

Page Capture: Catch Web facile per Mac


Per fare un portafoglio o per dare un'idea complessiva di una creazione della pagina web, è sempre utile essere in grado di catturare la schermata di pagine web complete. Un widget semplice ed efficacia: Page Capture



Semplice ed efficace, questo piccolo widget si installa in pochi secondi. Scegliete la vostra scala di cattura (dal 10% al 100%) web, immettere l'indirizzo della pagina nel campo e fare clic sull'occhio.


In meno tempo di quanto serve per dire, la cattura si trova sul vostro desktop MAC, pronti per essere elaborati nel vostro software preferito.


Page Capture si trova sul sito di APAULODESIGN. Non esitate a visitare il resto del sito. Le mie scuse a tutti gli utenti di Windows... questo widget è compatibile come Mac... ma sono sicuro che in googlant un po ', potrete facilmente trovare qualcosa di equivalente.

giovedì 24 novembre 2011

Ancora un blog di Graphic Design? Stai serio?

DétailsCatégorie: Riflessione creato su mercoledì 4 maggio 2011 17:04 pubblicato su mercoledì 4 maggio 2011 17:04 ancora un blog di Graphic Design? Stai serio?

Giovedi, 5, maggio 2011

Ancora un blog di Graphic Design? Stai serio?

Dal momento che ho capito che volevo "diventare un graphic designer", ho trascorso molto tempo nella mia auto-educazione. Per me, questo continuo auto-educazione passa attraverso questo tipo di cose

Discussione con gli appassionati o il professionnelsVidéo formationsLivres e publicationsBlogs e siti dedicati alla tecniche graphiquesBlogs e siti dedicati alla grafica tendenze e i progetti esistenti a capire il fonctionnementTwitter e altre azioni sociali inspirationDécorticage


become_graphistBenoit Ollive su Behance

E ogni volta che finisco un libro, un video di formazione o un progetto, ogni volta che leggo un articolo, un commento, un Consiglio, Hey bene imparo. Se, se, vi assicuro. Il mio cervello riceve informazioni e, nei suoi giorni migliori, ha registrato alcuni frammenti che essa ritiene importante. E che, quando vogliamo acquisire competenze, che è. Problema: ci sono così tante fonti, così tante cose da imparare, ma anche tante domande che in definitiva più fare seguono me tutti che sto facendo...

Tra quello che faccio completamente o metà, cosa dovrei fare, che merita di essere e che cosa non sarà, ho voluto trovare un modo per fare il punto. Questo proposito, è il blog. Sì, hai capito: questa piattaforma è quindi puramente egoistica e verrà utilizzata per raccogliere in un unico luogo:

I passaggi interessanti del mio apprendimento (lezioni, siti web, incontri tecnici, ecc.)Il mio domestici domande filosofiche sul cuore inspirational battendo designMes (un opuscolo del gufo, un sito web OWL, ecc.)

E come quella, io so dove mi trovo nel mio peregrinazioni di graphic designer erba pazza. Beh, non è?... Non?

I_want_to_be"Voglio essere un Graphic Designer" da Onirys

Ah! Potrei scaricare MacJournal e farlo nel mio angolo. Non era la pena a metterlo sulla tela. Pensi? Esso è stato senza contare la piccola voce.

Ma che cosa è lei dice, che uno? Ehi, ha detto che quando visto il mio desiderio di andare oltre nella grafica, sarei stato contenuto al blog di una persona che è auto-formée, che condivide le sue fonti e le sue impressioni, come rompere nel suo mestiere e abilità.

Dopo tutto, che è pagato? Dire è vincere - vincere. Sembra che è di moda.

In breve, la porta è aperta a tutte le finestre. Ho già 14 idee di articoli. Resta solo da me pianifica 14 volte per iscritto a trasmettere voi.

Esso, si è fatto.

Buon per voi

Jonathan.